Recensioni · Segnalazioni

Review Party : ‘Il Ciclo dell’impero’ Isaac Asimov.

Buongiorno lettori e lettrici, finalmente eccomi tornata,  ed ecco un altra recensione a tema fantascienza, il grande Asimov, se spluciate bene troverete anche le recensioni del ciclo completo della Fondazione, il mio primo amore.

Presentaziome libro 

TITOLO Il ciclo dell’Impero
AUTORE Isaac Asimov
EDITORE Mondadori
PAGINE 720
DATA DI USCITA 1 Settembre 2020
CARTACEO 18.00 €  |  E-BOOK 9.99 €
Trama ;

Per dodicimila anni il Primo impero galattico ha governato su duecento milioni di mondi, in modo a volte tirannico, a volte benevolo, garantendo sempre ordine e civiltà. Poi è crollato, gettando la galassia nello sfacelo. Ma che cos’è accaduto prima della sua caduta? “Le correnti dello spazio” e “Il tiranno dei mondi” raccontano degli anni in cui Trantor, il pianeta-capitale, si stava espandendo e avviando a diventare un impero, mentre “Paria dei cieli” (il primo romanzo scritto da Asimov) mostra il Primo impero galattico al culmine della sua potenza. La storia galattica, la sua politica e i suoi conflitti sono l’immenso scacchiere su cui si gioca una vera e propria “partita cosmica” e maturano avvenimenti il cui significato sarà inizialmente avvolto nel mistero. Ideale completamento del “Ciclo delle Fondazioni”, questi tre romanzi, ricchi di indimenticabili personaggi, offrono un panorama completo della saga asimoviana.

Recensione 

Iniziamo questa nuova storia in un mondo molto turbolento, con una sonda dentro il cervello, un qualcosa che nessun esser umano vorrebbe provare. Il povero colpito è Rik, anche chiamato Rik il matto  che in lingua Kyrt significava imbecille, dopo quel accaduto Rik aveva perso la memoria. L’unica amica che aveva Rik era una ragazza bizzarra dalle grande trecce  di nome Valona March.Ma un ricordo tormenta Rik, il sapere che ben presto il suo pianeta, cioè Florina, ben presto soccombera e tutti gli abitanti moriranno, dunque Rik vorrà indagare sulla sua vita o sui suoi ricordi passati soprattutto quel ricordo che neanche lo fa dormire. Ma un uomo molto potente aveva realizzato tutto questo piano di distruzione, quando iniziarono a sospettare di lui egli scappò, ma chi era il traditore? Via via la memoria di Rik cercava di riemergere dalle nubi, dunque più scavava nel suo passato più scopriva qualcosa su di sé, come il suo pianeta natale, cioè la Terra, un pianeta ormai dimenticato… 
Chi salverà il pianeta dalla distruzione? 

Nel secondo libro il Tiranno dei mondi, troveremo il personaggio di Brian Farrill,figlio di un ex governatore, un umano che si trova nel Pianeta Terra, ormai distrutto dalle bombe nucleari rendendo il pianeta ormai radioattivo, anche se ormai il pericolo era scampato, la superficie della Terra rispecchiava gli orrori del tempo. Ma c’è molto altro che non va, un complotto, che lentamente si realizzerà il voler assassinare il governatore e tutto cadrà nelle mani dei Tirannici.L’amico del padre Janti l’aiutera di scappare verso un altro pianeta chiamato Rhodia…iniziando la fuga contro i Tirannici.Il mondo sta per cambiare l’impero inizia a diffondersi ed ha conquistare potere, Brion trovò una bellissima alleata di nome Artemisia,  dopo aver visto quel che fanno i tirannici e dopo che diventò un ricercato, Artemisia è l’unica persona sicura per nasconderlo, e lui è l’unica salvezza anche per gli altri abitanti dato che è l’unico uomo che sa pilotare un astronave, cosa vietata negli altri pianeti per colpa dei tiranni. Ma questa guerra non finirà di certo, cosa succederà ai nostri personaggi? Chi sarà il vero tiranno dei mondi? 

Nel terzo libro invece incontriamo altre vicende di Joseph un uomo ormai in pensione che casualmente  viene catapultato nella futuro  si ritroverà sul pianeta Terra, in circostanza davvero orribili, trova un pianeta arido quasi privo di vita. Siamo al nono secolo dell’impero un eterna lotta contro l’umanità ormai stanca, arriverà anche un virus mutabile creato da un essere che vuole spazzare via l’umanità sulla terra, ma questo uomo proveniente dal futuro riuscirà a salvare l’umanità? 
Che dire, è stata una lettura un po lenta, ma piena di colpi di scena, il mondo di Asimov mi affascina sempre è sempre geniale, ma questa volta non è riuscito completamente a conquistarmi… L’ho trovato freddo tra i personaggi e distaccato, il lettore non riesce ad amare i personaggi come è successo con il ciclo della Fondazione, dunque si mi è piaciuto, come le lettura e come viaggio nel mondo di Asimov, ammetto che mi aspettavo di più e voi? 
Un abbraccio da volpe. 

Non perdete le prossime recensioni 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...