Recensioni · Segnalazioni

Review Party “Fondazione. Il ciclo completo” di Isaac Asimov – L’orlo della fondazione

Buongiorno a tutti, lettori e lettrici.

Continuiamo con il mese di Asimov, non ci fermiamo mica, sempre pronte per continuare queste recensioni, una dietro l’altra!
Oggi iniziamo i Sequel 120 anni dopo la trilogia…
Buona lettura!

Vi ricordo l’ordine:

Preludio alla Fondazione = Prelude to Foundation (1988)
Fondazione: Anno Zero = Forward the Foundation (1993, postumo)
Cronache della Galassia = Foundation (1951)
Il Crollo della Galassia Centrale = Foundation and Empire (1952)
L’Altra faccia della Spirale = Second Foundation (1953)
L’Orlo della Fondazione = Foundation’s Edge (1982)
Fondazione e Terra = Foundation and Earth (1986)

Iniziando dunque da i Prequel : “Preludio della Fondazione e Fondazione Anno Zero”, poi con la trilogia della Fondazione dunque :”Cronache della Galassia, Il crollo della Galassia Centrale, L’altra faccia della Spirale”; E in fine i Sequel della saga : L’Orlo della Fondazione e Fondazione e Terra.

Presentazione libro


Autore: Isaac Asimov
Titolo: Fondazione. Il ciclo completo
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 9 giugno 2020
Pagine: 1476 (collana Oscar Draghi)
Trama: Il ciclo originale della Fondazione venne pubblicato tra il 1951 e il 1953, subito acclamato come un capolavoro della fantascienza. Trent’anni più tardi tra gli anni ’80 e ’90 del novecento sono stati pubblicati i due romanzi che costituiscono il prequel della saga. Per la prima volta in questo volume è disponibile l’intera saga.


Trama l’orlo della fondazione :
Nella Seconda Fondazione Stor Gendibal con l’aiuto di una contadina, Novi, fugge da Trantor alla ricerca di Trevize. Dopo una serie di avventure in mondi diversi tra cui la stessa Trantor, Jan Pelorat e Trevize giungono a Sayshell, pianeta che sembra un organismo vivente (e qui Asimov rinnova in modo originale la primigenia serie).
Intanto Golan scopre che la Terra è la sede dell’umanità da cui ha avuto inizio la storia e decide di sbarcare su Gaia dove incontra Bliss, una bella ragazza che diventerà l’amante di Jan. Nel frattempo Sten Gendibal e Novi raggiungono Gaia e insieme al sindaco Branno attendono le conclusioni di tutto e la rivelazione finale che sarà una grande confusione. Non dico di più perchè il finale spariglia le carte e sembra preludere ad un nuovo romanzo come difatti avviene.

Recensione

L’orlo della Fondazione

120 Anni dopo la Fondazione era ancora in piedi, dopo tutti questi anni Hari Seldon era riuscito a creare qualcosa di davvero duraturo, qualcosa che è riuscito a unificare chiunque creda nella Psicostoria.
Dopo aver superato guerre e crisi, ormai si narra che Bayta è riuscita a sconfiggere il Mulo, forse perché è l’unica riuscita a sfiorare il suo cuore?

I Sequel narrano le vicende di Trevize un uomo pronto a tutto per scoprire cosa succede nella galassia, dunque inizia ad indagare e raccogliere varie informazioni su leggende e miti che parlavano della Terra e di un popolo che piano piano si ambientasse a questa Terra che lentamente moriva e diventava inospitale.

Vari studiosi dicevano che la Terra diventò inabitabile per l’alto tasso di radioattività sviluppato negli anni, particolare che mi ha fatto un po’ riflettere su come stiamo rovinando la Terra noi stessi. La Terra sarà inospitale e ci troveremo ad abitare in una Terra arida e rovinata?

Comunque ritornando a noi, anche Trevize vuole capire dov’è iniziata la vita, il primo esser umano era della di questa Terra ormai dimenticata oppure di un’ altro pianeta?
E se sulla Terra ancora ci fossero esser viventi?
Sulla Terra gli esser umani convivevano con i Robot dove seguivano le tre leggi della robotica diventando protettori degli umani e via via i robot diventavano sempre più simili agli umani.
Tre leggi sulla Robotica :

Le tre leggi della robotica sono state formulate dal biochimico e scrittore sovietico (naturalizzato statunitense) Isaac Asimov nel 1942, nello stesso racconto in cui appare per la prima volta la parola ‘robotica’ (Runaround, incluso nella raccolta I Robot, pubblicata nel 1950 ). Esse regolano il funzionamento del cervello dei robot:

1.Un robot non può recare danno agli esseri umani, né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, gli esseri umani ricevano danno.

2.Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, tranne nel caso che tali ordini contrastino con la Prima Legge.

3.Un robot deve salvaguardare la propria esistenza, purché ciò non contrasti con la Prima e la Seconda Legge.


Detroit: Foto - Gif #2 - Wattpad





Dunque, mi permetto di fare riferimento ad un Videogioco cioè Detroit dove i Robot sono usati per aiutare gli umani e via via essi iniziano a pensare di testa propria dunque a creare dei dubbi verso gli umani stessi, piccola curiosità Nerd.

detroit: become human #dbh #detroitbecomehuman #connor #rk800 ...

La ricerca lo porterà a Gaia, Trevize pensava fosse quella la Terra del primo uomo, invece non fu così, scoprii che in quel pianeta erano tutti collegati tra di loro, una connessione forte e sensibile.

Ma quali altri segreti nasconde il pianeta Gaia?

Asimov continua ancora ad affascinare il lettore, ho finito la trilogia con un vuoto, leggendo la fine di tutto, ma questo autore riesce sempre e continuamente ad affascinare il lettore.
Ormai penso di sentirmi viziata da questi romanzi, infatti talmente sono incuriosita che non credo che mi fermerò solo a leggere i racconti che narrano della Fondazione, Asimov ha scritto davvero tantissima roba, come anche “ Io, Robot” o “ L’uomo bicentenario”.
Dunque lettori e lettrici lasciatevi ancora trasportare da questo mondo forse non tanto lontano come sembra!


Un abbraccio, volpe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...