Recensioni · Segnalazioni

Review Party “Fondazione. Il ciclo completo” di Isaac Asimov – Preludio alla Fondazione

Buongiorno!
Oggi vi trascino verso un uomo diventato leggenda : Isaac Asimov (Petroviči, Russia, 1920 – New York 1992) ha iniziato a scrivere racconti a soli undici anni e ha raggiunto il successo negli anni Cinquanta con i romanzi della cosiddetta “Trilogia della Fondazione” e con i racconti del “Ciclo dei Robot”, nei quali ha enunciato le celebri tre leggi della robotica. Maestro indiscusso della fantascienza del Novecento, le sue opere sono considerate una pietra miliare sia nel campo della letteratura sia in quello della divulgazione scientifica.

What Can We Learn From the Prolific Isaac Asimov? | Farnam Street

Tre leggi sulla Robotica :

Le tre leggi della robotica sono state formulate dal biochimico e scrittore sovietico (naturalizzato statunitense) Isaac Asimov nel 1942, nello stesso racconto in cui appare per la prima volta la parola ‘robotica’ (Runaround, incluso nella raccolta I Robot, pubblicata nel 1950 ). Esse regolano il funzionamento del cervello dei robot:

1.Un robot non può recare danno agli esseri umani, né può permettere che, a causa del suo mancato intervento, gli esseri umani ricevano danno.

2.Un robot deve obbedire agli ordini impartiti dagli esseri umani, tranne nel caso che tali ordini contrastino con la Prima Legge.

3.Un robot deve salvaguardare la propria esistenza, purché ciò non contrasti con la Prima e la Seconda Legge.

Dunque per festeggiare questa uscita edita dalla Mondadori, che contiene tutta la trilogia della fondazione più i Prequel e i Sequel sempre annessi alla storia della fondazione vi suggerisco, miei cari lettori e lettrici, di leggerli in quest’ordine!

Vi consiglio di iniziare la lettura in questa maniera :

Preludio alla Fondazione = Prelude to Foundation (1988)
Fondazione: Anno Zero = Forward the Foundation (1993, postumo)
Cronache della Galassia = Foundation (1951)
Il Crollo della Galassia Centrale = Foundation and Empire (1952)
L’Altra faccia della Spirale = Second Foundation (1953)
L’Orlo della Fondazione = Foundation’s Edge (1982)
Fondazione e Terra = Foundation and Earth (1986)

Iniziando dunque dai Prequel : “Preludio della Fondazione e Fondazione Anno Zero”, poi con la trilogia della Fondazione dunque :”Cronache della Galassia, Il crollo della Galassia Centrale, L’altra faccia della Spirale”; E in fine i Sequel della saga : L’Orlo della Fondazione e Fondazione e Terra.


Preludio della Fondazione :

Informazioni libro

Autore: Isaac Asimov
Titolo: Fondazione. Il ciclo completo
Editore: Mondadori
Data di pubblicazione: 9 giugno 2020
Pagine: 1476 (collana Oscar Draghi)
Trama: Il ciclo originale della Fondazione venne pubblicato tra il 1951 e il 1953, subito acclamato come un capolavoro della fantascienza. Trent’anni più tardi tra gli anni ’80 e ’90 del novecento sono stati pubblicati i due romanzi che costituiscono il prequel della saga. Per la prima volta in questo volume è disponibile l’intera saga.

Trama Preludio alla Fondazione:
Il libro racconta l’origine della straordinaria epopea della Fondazione, il più celebre ciclo narrativo della fantascienza moderna. Nell’anno 12020 dell’Era galattica Hari Seldon , un oscuro matematico originario di Helicon, giunge sul pianeta Trantor per presentare le teorie sperimentali di una nuova scienza in grado di prevedere il futuro: la psicostoria. L’ipotesi avanzata dallo scienziato accende subito l’interesse dell’imperatore e dei potenti personaggi che gravitano intorno a lui. Ma tra lusinghe, raggiri ed intrighi di palazzo, Seldon si trova presto in pericolo…Inizierà così una lunga ed avventurosa fuga per le gigantesche cupole di Trantor alla ricerca di quella misteriosa chiave che gli consentirà di capire l’intero passato del genere umano e di aprire le porte al suo futuro

Recensione Preludio della Fondazione :

L’impero vuole conoscere questo uomo pieno di saggezza che suscita curiosità anche all’imperatore stesso.

Quando si narra di saggezza le persone si immaginano un uomo vecchio e con molti trascorsi sulle spalle, ma così non e, ecco che vi presento Hari Seldon un matematico che presenta la sua nuova teoria, una nuova scienza chiamata: Psicostoria.

L’ imperatore Cleon lo reputerà pericoloso per le sue teorie da matematico incomprensibili anche per lui, ma un ombra vien fuori accanto all’imperatore, il suo nome è Demerzel , vorrebbe servirsi di Hari per scoprire ancora di più la Psicostoria, cioè la scienza che riesce a predire il futuro tramite statistiche matematiche, chi non vorrebbe sapere quel che capiterà nel corso negli anni?
Dunque farà gola anche ai potenti ed ecco che Demerzel terrà sotto controllo Hari.

Per fortuna il caro Hari Seldon riuscì a incontrare un uomo abbastanza influente Chetter Hummin, quando scoprì di esser un ricercato dell’impero, e riusci a nascondersi grazie a lui , quest’ultimo voleva capire la Psicostoria e utilizzarla, ma esclusivamente per il bene dell’impero.
Dunque lo nascose all’università e da quel momento Hari diventò un professore di matematica, seguito dalla bellissima storica Dors Venebili,un’ amica di Hummin.

Il loro viaggio iniziò quando scoprirono di seguire le tracce di un popolo che preservava la storia così com’era, con documentazioni molto antiche, tradizioni storiche chiamate Micogeni. Così si misero alla ricerca di un loro libro che narrava una storia antica quasi dimenticata sulla Terra d’origine: cioè il vecchio mondo.




Tutti continuano a desiderare il matematico Hari, lo vogliono a qualsiasi prezzo, per il suo infinito e forse pericoloso sapere, riuscirà a scappare dalle grinfie dell’imperatore e dal sindaco Wyc?
E quell’uomo misterioso, Hummin, cosa nasconde veramente e perché vuole aiutare così tanto il povero Hari?

Eccoci qui, la mia prima impressione di Asimov. All’inizion pensavo che fosse un genio, ma alla fine mi sono dovuta ricredere.
Non avevo mai letto qualcosa di suo dunque mi sono tuffata in questo evento proprio per recuperare, al di là di tutto mi è comunque piaciuto.
Ho amato il suo modo di scrivere decisamente dettagliato e spiega al lettore tutto il mondo creato da lui e devo dire di aver gradito ogni pagina.
Personalmente adoro come è riuscito a intrecciare le storie dei vari personaggi, che sono decisamente tanti, ma Asimov riesce a far emozionare anche quando parla di Psicostoria, riesce a darmi emozioni e riesce a far affezionare il lettore ai personaggi.

Il mio personaggio preferito è Dors, una donna che pensa solamente alla sua missione cioè proteggere e aiutare Hari e riesce anche a suscitare qualcosa nel cuore del matematico.
Dunque cosa chiedere di più se non fantascienza vecchio stile e in più anche una storia romantica?
Dovete recuperarlo assolutamente!

Un abbraccio
Volpe.
Non perdete le prossime recensioni!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...