Recensioni · Segnalazioni

Recensione : “La battaglia delle bambine” Di Simona Dolce.

Buongiorno lettori e lettrici.

Oggi vi porto sul blog una libro che ho adorato, pagina dopo pagina… forse sono semplicemente di parte, o forse no, ma posso dirvi che va letto assolutamente.
Scorrete un altro po’ per leggere qualche informazione e la recensione.

Vi ricordo di leggere in questo periodo, meglio evadere un po’ con l’immaginazione, dato che non possiamo uscire.
Grazie chi mi sostiene e grazie anche a voi lettori e lettrici, ricordate che : Andrร  tutto bene.



Descrizione libro .

La battaglia delle bambine


Palermo, agosto 1991: in una strada piena di rumori, vita e odori, cinque ragazzine si alleano contro la banda dei maschi presuntuosi che le ha prese di mira. Agnese ha i capelli e gli occhi castani e sua madre lavora lla Sigma di Libero Grassi, l’imprenditore ucciso per essersi ribellato al pizzo. Marialuce sogna di ballare insieme a Freddie Mercury e non ha paura di nessuno. Elda รจ molto golosa e con la sorella Marina vive in una casa piena di disciplina e senza neppure un giocattolo. Aurora sembra una principessa, ma nasconde il segreto piรน grande: suo padre รจ un boss mafioso e lei sa dove tiene la pistola. Un giorno nei loro giochi spensierati irrompe la realtร , a dimostrare che la mafia non รจ solo una parola scandita dai telegiornali, ma esiste davvero e si convincono che insieme potranno sconfiggerla.
A Palermo c’รจ anche una fotografa coraggiosa che non vuole lasciarsi sfuggire i volti di queste piccole donne siciliane: a una a una, riesce a catturarle con il suo obiettivo…

Simona Dolce rievoca la pulsante e complessa Sicilia di inizio anni Novanta, ispirandosi all’opera di una delle piรน grandi fotografe italiane, Letizia Battaglia.

RECENSIONE

Inizio questa recensione con una canzone :

โ€œ Pensa. Prima di sparare. Pensa.
Prima di dire di giudicare, Pensa che puoi decidere tu.
Basta un’ attimo soltanto, un ‘attimo di piรน con la testa tra le mani. โ€œ

Questo libro tocca in modo leggero quella malattia che ancora nel 2019 sta soffocando il nostro paese, la malattia sรฌ chiama โ€œMafiaโ€.
Non dite che sรฌ trova solo al Sud, forse tanto tempo fa ma ora questa brutta malattia sรฌ trova dovunque, ahimรจ tanti uomini di valore hanno perso la vita per i loro ideali per proteggere questo pezzo di terra dove viviamo…

La battaglia delle bambine รจ un racconto molto bello, ambientato nella Palermo del 1991, dove cinque bambine sono pronte ad combattere come delle vere eroine, pronte a tutto per sconfiggere le loro paure.

Chi sono queste bambine?

Agnese la bambina dai riccioli e il suo amore per il blu del mare.
Sรฌ domanda sempre dove sia il padre che ormai non vede da mesi, nessuno le risponde, ma lei รจ stanca di queste continue non risposte.

Aurora, la principessina di casa e migliore amica di Agnese.
Suo padre รจ โ€œ Uno grossoโ€ tutti lo temono e tutti gli fanno dei regali o semplicemente pagherร  dopo il suo debito, cosรฌ pensa la povera Aurora.
Ma il padre รจ un Boss, se ne renderร  conto nel modo piรน orribile di tutti.
Sottolinea anche il fattore delle donne come venivano trattate in quell’epica.
Aurora racconta come la madre deve far tutto, deve piangere in silenzio e non deve neanche dire una parola, la bambina non capisce perchรจ la madre non sรฌ ribella mai.


Marialuce non ha molto, vive in una casa piccolissima, la voglia di evadere perchรจ sรฌ sente troppo stretta, l’unico rimedio รจ sognare, ma neanche questo le รจ permesso. Non deve dimostrare debolezza.

Elda e Maria invece sono due sorelle che cercano, a modo loro, di aiutarsi a vicenda, i genitori sempre impegnati col lavoro non riescono a dargli mai le attenzioni che meritano, loro vogliono andare al mare, ma anche se stanno โ€œ beneโ€ economicamente non hanno quel senso di famiglia.

Queste piccole guerriere sรฌ radunano per giocare insieme, scoprendo via via il lato oscuro di Palermo quando capiscono che la Mafia non รจ finzione ma una brutta realtร .

Cercano di combattere una guerra con i maschietti, questo dettaglio l’ho trovato molto bello, sempre da piccoline cerchiamo di esser piรน forti dei maschi, io la prima cercavo di difendere sempre le bambine piรน indifese con i maschietti stupidi, era divertente e odioso al tempo stesso, ma l’importante era giocare insieme, quando bastava solo un pallone per divertirsi, ecco in questo racconto troviamo anche quella delicatezza di esser bambini, quei giochi che ci facevano sentire โ€œ grandiโ€ .

Un libro che ripeto ancora e4 ancora HO AMATO, giร  alle prima pagine mi sono immersa nelle piccole vite di queste bambine e nelle loro battaglie, qualche lacrimuccia ha sfiorato la mia guancia devo ammetterlo, mi sono emozionata in alcuni punti.
La scrittrice? Non ho parole per descrivere questa opera, forse sono un grazie per aver scritto questa storia.
Non vi stancherete di leggerlo, non รจ noioso o privo di significati, assolutamente no, ogni capitolo viene stampato sulla vostra immaginazione con immagini vivide.

Assolutamente.
DA NON PERDERE.

La scrittrice si รจ ispirata all’opera di una delle piรน grandi fotografe Italiane : Letizia Battaglia.
A fine libro trovate queste meravigliose foto.
Che dire, buona lettura.

Un’ abbraccio.
Volpe.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...